Home » News » Attualità

Asis Italy: Brand Protection & Security e Women in Security

Asis Italy: Brand Protection & Security e Women in Security

ASIS Italy ha tenuto mercoledì 23 settembre il suo primo meeting post lockdown.

“L’inizio è la parte più importante del lavoro” ed è ancora più importante quando “l’inizio” coincide con l’era post-Covid19. E così, la prima riunione ASIS Italy, presieduta da Samuele Caruso, ha fatto rincontrare, anche se solo virtualmente, i membri dell’Associazione, oggi più che mai entrati a capofitto nella gestione dell’emergenza pandemica in Azienda. L’occasione non è stata solamente propizia per il consueto scambio di idee tra giovani e meno giovani membri del Capitolo, ma anche per una vera e propria sessione formativa aperta da Monica Imovilli, esperta in Brand Protection, e conclusa da un ospite d’eccezione, Lynn De Vries (nella foto), ASIS European Liaison per il progetto Women in Security.

Per l’occasione la dott.ssa Imovilli ha condiviso la sua trentennale esperienza nel mondo delle investigazioni a protezione dei marchi, portando alla luce una visione innovativa della sua professione che, seppur distinta, ben si amalgama al mondo della Corporate Security. I rischi derivanti dalla globalizzazione dei mercati e dalla complessità delle dinamiche transnazionali, richiedono infatti alle organizzazioni economiche ed istituzionali di guardare al tema della sicurezza con una lente di progettualità e intervento, al fine di sviluppare le migliori pratiche di identificazione, gestione e mitigazione di ciò che “minaccia” il proprio patrimonio aziendale, nella sua accezione più ampia. È in questo contesto che Imovilli inserisce la figura del Brand (Security) Protection Manager che, operando a tutela della proprietà intellettuale e della concorrenza, nonché di marchi, brevetti, e know-how, consente di unire in un’unica figura professionale, due settori di tutela apparentemente distinti: Brand Protection & Security.

A chiudere il meeting è stata Lynn De Vries, di ASIS Netherlands ed ospite del capitolo italiano come ambasciatrice del progetto Women in Security (WIS). L’iniziativa, molto cara ai vertici di ASIS International, vuole portare la donna al centro del settore della security, restituendole il ruolo che giustamente merita e che, sino ad oggi fin troppo silenziosamente, ha giocato. WIS, come ha ricordato Lynn a tutti i partecipanti, si pone l’obiettivo di valorizzare il ruolo della donna nel settore della Security anche attraverso programmi di mentoring, prevedendo l’inserimento, sempre più consistente, di giovani esperte nel mondo, della Security.

WIS, inoltre, intende sensibilizzare il settore, condividendo i successi e le conoscenze specialistiche delle associate ad ASIS International. L’iniziativa è fortemente sentita anche da ASIS Italy che, a breve, aprirà, grazie alla collaborazione delle sue valide iscritte, la sezione Women In Security che, di certo, darà nuova linfa al Capitolo Italiano, rinvigorendolo nella partecipazione e nei contenuti.

Come da abitudine, il meeting si è salutato con un arrivederci. Un arrivederci ad ottobre, che questa volta ha, però, un sapore diverso e ancora più sentito, perché sarà un meeting accessibile sia virtualmente che…. dal vivo, pur rispettando tutte le opportune prudenze.  

Ci saranno colleghi e colleghe, pronti a ricontrarsi e rivedersi dopo molto, troppo, tempo.

di Nicola Bressan
ASIS Italy – Young Professional Chapter Liaison

Condividi questo articolo su:

Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.