Home » News » Attualità

ChainLink Research evidenzia una crescente adozione dell’RFID nel retail

ChainLink Research evidenzia una crescente adozione dell’RFID nel retail

Il team di ChainLink Research ha intervistato oltre 120 retailer nelle Americhe e in Europa sul tema dell’utilizzo dell’RFID nel retail. I risultati del nuovo report dal titolo “Use Cases Driving the Current Surge in RFID Adoption”, sono stati annunciati da Tyco Retail Solution, leader globale nella fornitura di soluzioni di sicurezza e retail performance e parte di Tyco Integrated Fire & Security.
Lo studio ha evidenziato le tre ragioni principali che spingono i retailer ad implementare l’RFID:
 
1. Miglioramento dell’accuratezza dell’inventario
2. Riduzione delle condizioni di out of stock (OOS)
3. Incremento della disponibilità degli articoli nel punto vendita

Il report pone l’accento sull’opportunità di miglioramento rispetto alle ricerche precedenti: se paragonato alla scansione manuale tradizionale del codice a barre, l’RFID permette infatti di effettuare cicli di conteggio in tempi 25 volte più rapidi. Un conteggio frequente e preciso migliora l’accuratezza dell’inventario, generalmente del 20-30%, consentendo a un gran numero di retailer di raggiungere quasi il 100% della precisione (99%). Ciò permette di generare allerte affidabili sui rifornimenti, diminuendo le condizioni di out-of-stock (in genere del 15-30%) e aumentando la disponibilità degli articoli nel punto vendita. Lo studio ha svelato che quasi tutti i retailer impegnati in implementazioni RFID hanno registrato un aumento delle vendite nelle categorie nelle quali hanno adottato questa tecnologia a livello di articolo.

Secondo Ann Grackin, CEO di ChainLink Research, “L’RFID ha fatto molta strada negli ultimi anni grazie alla definizione di standard, alla riduzione dei prezzi dei sistemi e delle etichette e alla maggiore affidabilità della tecnologia RFID. Sono ora disponibili applicazioni software che possono essere integrate nei sistemi IT dei retailer e che sono user-friendly a livello di store. Anche l’expertise dei tecnici è cresciuta, le tecnologie si sono evolute in soluzioni complete, e technology provider e system integrator hanno acquisito maggiore esperienza per quel che riguarda retail e integrazione dei sistemi”.

Molte delle sfide associate all’RFID sono state indirizzate grazie agli avanzamenti tecnologici e questo pone l’accento sull’importanza di selezionare la giusta soluzione e partner tecnologici che abbiano affrontato, compreso e vinto le sfide derivanti dalla “fisica dell’RFID”.

Il report spiega perché i retailer stiano oggi implementando l’RFID e in che modo utilizzano questa tecnologia. Mentre l’adozione dell’RFID è in costante crescita in virtù dei benefici in termini di gestione dell’inventario, quando ai retailer è stato domandato di elencare le modalità di utilizzo future, loss prevention e precisamente l’RFID all’uscita del punto vendita si sono rivelate le risposte più gettonate.
Nella maggior parte dei casi questo utilizzo viene associato a quello per la gestione e il rifornimento dell’inventario. Tuttavia i risultati evidenziano che i retailer vorrebbero avere a disposizione una tecnologia – ad oggi non ancora disponibile – capace di fornire visibilità sugli ammanchi a livello di articolo.

Considerato l’evolvere delle implementazioni RFID, i team di ricerca hanno tentato di fare tesoro delle lezioni imparate nel corso di progetti in stallo o cancellati. Quando è stato domandato perché un programma RFID fosse stato cancellato o bloccato, gli intervistati hanno incluso tra le cause principali modalità di utilizzo poco definite, la carenza di supporto da parte del management e altre priorità di business.
Queste risposte sottolineano l’importanza della selezione di modalità di utilizzo e piani di sviluppo che favoriscano un ROI più rapido, in modo tale che i vantaggi siano sufficientemente importanti da prevalere su investimenti e altre iniziative che distolgono l’attenzione del management.

Una tendenza comune nelle implementazioni di successo è data dal fatto che sono state applicate dove garantiscono un ROI più rapido. Esistono categorie di prodotto che hanno in comune l’esigenza di dover essere esposte in tutte le varianti possibili, affinché il modello più appropriato si trovi nel posto e nel momento giusti quando il cliente entra. Il risultato è un incremento nelle vendite derivante dalla disponibilità di inventario nel negozio e dalla diminuizione delle condizioni di out of stock. L’RFID si dimostra quindi un abilitatore fondamentale, favorendo un incremento dell’accuratezza dell’inventario e garantendo allerte più puntuali qualora sia necessario effettuare rifornimenti degli articoli mancanti.
 
“Di recente retailer come Macy’s, Walmart, Saks e tanti altri hanno implementato l’RFID su miliardi di articoli, realizzando un grande vantaggio in termini operativi, finanziari e di customer satisfaction rispetto alla concorrenza che non utilizza questa tecnologia” ha concluso Grackin.

la Redazione

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.