Home » News » Soluzioni

Hikvision: Telecamere antideflagranti per ambienti a rischio esplosione

Hikvision Italy presenta le telecamere antideflagranti per ambienti a rischio esplosione, capaci di contenere l’effetto di scintille interne al dispositivo stesso.

LE CARATTERISTICHE DELLE TELECAMERE ANTIDEFLAGRANTI HIKVISION

Dal petrolchimico alla lavorazione di polveri esplosive, dai depositi di combustibili all’industria militare: in tutti gli ambienti ATEX occorrono telecamere di sicurezza antideflagranti.
Oltre a resistere alle esplosioni che si possono innescare, le telecamere explosion-proof firmate Hikvision sono anche in grado di contenere l’eventuale effetto di scintille interne al dispositivo stesso, derivanti ad esempio da corto circuito o surriscaldamento di un componente. Un’ulteriore protezione per evitare inneschi a catena in ambienti di per sé a rischio. Queste telecamere sono infatti alloggiate in una custodia in acciaio inossidabile 304/316L di spessore superiore a 3,5 mm.

Dai tests eseguiti, l’alloggiamento può sopportare una pressione interna di esplosione di 1,5 volte senza riscontrare rotture o deformazioni permanenti. Utilizzando poi un giunto cilindrico ignifugo all’interno dell’involucro in acciaio inossidabile, il gas esplosivo interno viene guidato in un condotto, in modo che scintille e fiamme non entrino in contatto con l’ambiente. Quindi, se dovesse scoppiare un incendio all’interno della telecamera per guasti elettrici o altro, non potrebbe però attraversare l’involucro, impedendo al fuoco di diffondersi dalla telecamera ad altre apparecchiature o altre zone. Queste telecamere sono certificate antiesplosione ATEX, IECEx (che include le certificazioni “a prova di esplosione di gas” e “a prova di esplosione di polvere”) e ULEx (solo il modello XE68). Sono inoltre certificate anticorrosione NEMA 4X (tranne il modello XE60) e C5.

L’algoritmo a deep learning incorporato supporta, oltre alle funzioni smart di protezione perimetrale con attivazione di allarme ed eventuale registrazione (line crossing detection, region entrance/exiting detection – attraversamento in ingresso/uscita di un’area, intrusion detection, smart item taken/smart item left – rimozione/abbandono di un oggetto), anche alcune funzioni che permettono di individuare, con l’intelligenza artificiale, pratiche o comportamenti sul lavoro potenzialmente pericolosi. Rilevano infatti un ostacolo classificandolo come essere umano, veicolo o altro ed attivano l’allarme secondo diverse configurazioni (persone e veicoli, solo persone, solo veicoli/oggetti). Ideali per ambienti ad alto rischio, queste telecamere rilevano anche chi non indossa correttamente il casco protettivo ed inviano un allarme all’NVR o alla piattaforma HikCentral.

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.