Attualità // Corporate

Digitronica.IT e Commend Italia: fonia, immagini, dati

Condividi

Digitronica.IT e Commend Italia hanno sviluppato un'interessante sinergia. S News incontra Riccardo Verde, Direttore Commerciale e Marketing di Digitronica.IT ed Alessandro Amodio, Sales Manager di Commend Italia.

Signor Verde, da tempo Digitronica e Commend lavorano in sinergia. Da dove nasce tale collaborazione?
La nostra collaborazione nasce nel modo più semplice e naturale possibile e nel rispetto di una semplice strategia tecnica di integrazione che prevede, sempre, di utilizzare “il meglio”. Digitronica, circa una decina di anni fa, nel consolidare le proprie applicazioni, realizzando dei moduli software verticali, quali ad esempio, la supervisione di sistemi antintrusione e TVCC, ebbe l’intuizione di cercare di far interagire, con le proprie applicazioni, anche i primi sistemi di Interfonia IP. Ciò ci portò ad approfondire la conoscenza con i migliori produttori di tale tecnologia ed a realizzare alcuni tests con le apparecchiature disponibili: la decisione di utilizzare i prodotti Commend, che già da allora dimostravano performances superiori alla media ed una affidabilità “austriaca”, fu presa senza alcun dubbio.

La nostra partnership quindi è nata, in piena trasparenza e possiamo dire “per meriti”. Gradualmente, poi abbiamo approfondito tutti i termini di un’integrazione completa, anche commerciale, trovando sempre disponibilità e professionalità, tanto che recentemente, abbiamo ulteriormente registrato la nostra collaborazione, identificando attività ed azioni tecnico/commerciali tese a “fare squadra”, per raggiungere obiettivi più elevati in tutti i settori.

Riccardo Verde
Riccardo Verde

Signor Amodio, quali i punti di forza di questa vostra partnership?
Indubbiamente la profonda integrazione tecnologica realizzata da Digitronica tra la piattaforma di controllo accessi e il sistema interfonico. Non si tratta di una banale scelta per meri interessi commerciali comuni: è, prima di tutto, un’interessante e solida proposta tecnica, volta a risolvere i problemi dei nostri clienti, ad aiutarli a raggiungere i loro obiettivi, a rispondere alle loro necessità.

Riteniamo di offrire al mercato una vera soluzione di sicurezza, di altissimo livello e qualità. Molto spesso, in passato, non si è dato il giusto valore alla sicurezza fisica; si è forse sottovalutato il tema e di conseguenza si sceglievano soluzioni, che in realtà non rispondono pienamente alla richiesta.

Digitronica e Commend offrono invece una gamma completa di soluzioni tecniche per tutti coloro che vogliono davvero controllare gli accessi dei propri edifici.

Alessandro Amodio
Alessandro Amodio, foto di Chiara Amodio

Signor Verde, ci potrebbe portare qualche esempio di realizzazione, risultato della vostra integrazione tecnologica di sistemi?
L’applicazione che è stata sviluppata da Digitronica, e che interagisce con gli apparati Commend, è denominata REMACCESS. A distanza di un decennio, quando viene presentata alla nostra clientela, ancora suscita interesse ed attenzione, per i temi trattati e per le soluzioni offerte. Infatti, l’argomento del collegamento di accessi remoti, privi di presidio, rispetto ad una sede centrale o sala controllo, è ancora spesso risolto da altri fornitori, con applicazioni stand alone, e/o comunque dove spesso il comando di apertura viene dato quasi “sulla fiducia”, in considerazione dei pochi dati di verifica disponibili.

Al contrario, REMACCESS, oltre che ad essere una componente di un sistema di sicurezza e controllo dell’identità, più articolato, offre al cliente/operatore una serie di dati in tempo reale, (ad esempio l’anagrafica completa di foto, o la visualizzazione affiancata di telecamere di contesto, per verificare ad esempio un transito sotto minaccia, ecc.), per permettergli di prendere la decisione più giusta, velocemente. Con le sperimentazioni, ci stiamo spingendo al riconoscimento facciale sulle immagini live del video, per offrire all’operatore di ricezione, sempre maggiori dati, sul riconoscimento dell’utente chiamante. E Commend ci aiuta in tale percorso di crescita tecnologica, con prodotti sempre più efficienti e flessibili.

Quali quindi gli sviluppi futuri, signor Amodio?
Ci stiamo focalizzando principalmente su due aspetti: In primo luogo, una ancor più approfondita conoscenza tecnica per poter realizzare un’integrazione sempre  più performante e che ci permetta di disporre di un maggior numero di soluzioni, da proporre al mercato. Per esempio, nelle applicazioni di sicurezza perimetrale proattiva: grazie a nuove funzioni ed applicazioni specifiche, possiamo elevare il grado di sicurezza a nuovi livelli.

E poi con soluzioni di dissuasione tramite messaggi acustici automatici pre-registrati o “live”, monitoraggio audio per poter valutare un evento non solo con le immagini, ma anche con un feedback acustico, con una gestione di diversi livelli di autenticazione, grazie all’emissione di speciali segnali acustici tramite smartphone, con la protezione di eventuali punti rete, posti sul perimetro e la messa in sicurezza anche dei contatti per l’apertura porte, e molto altro ancora.

In secondo luogo, su una “più mirata” comunicazione delle nostre proposte al mercato. Come dicevo prima, ci siamo accorti che le nostre soluzioni sono poco conosciute, e spesso vengono erroneamente commisurate a tecnologie molto diverse, non applicabili a contesti di sicurezza professionale. Ci siamo accorti che i clienti, talvolta, non conoscono l’esistenza di soluzioni specifiche ai loro problemi di comunicazione e sicurezza, e pensano di risolvere le loro necessità affidandosi a prodotti che in effetti non sono in grado di rispondere pienamente ai loro problemi.

Ciò che Commend con la sua tecnologia ci permette di fare, è di adattare il sistema alle mutevoli esigenze operative dei clienti, e non viceversa.

a cura di Monica Bertolo

digitronica                 Commend

07.09.2018


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Panasonic: I-Pro Extreme, visione notturna a colori 24/7

Panasonic amplia la serie i-Pro Extreme aggiungendo sei nuovi modelli compatti, dotati di...

Notre Dame Fire: Euralarm's Statement

The Notre Dame Fire shocked the world. S News asked Euralarm for his statement and promptly the...

Incendio di Notre Dame: la dichiarazione di Euralarm

L’incendio di Notre Dame ha scioccato il mondo. S News ha chiesto ad Euralarm una...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.