Attualità // Cover Story

Politec: come costruire il futuro della sicurezza perimetrale

Condividi

Politec è la protagonista della Cover Story del numero 46 di S News.

Un’intervista dinamica, strutturata e molto partecipata quella che scaturisce dall’incontro di S News con Giuseppe Garro, Presidente Politec, che con chiarezza di visione analizza il presente, illustra strategie e programmi a breve/medio termine, anche di concerto con il Direttore Vendite Italia Stefano Comissari, allargando poi gli orizzonti sull’estero e sul divenire ed evolvere del mercato, per concludere con un messaggio determinato e costruttivo, tipico dell’imprenditore Made in Italy.

Buona lettura, quindi!

POLITEC: COME COSTRUIRE IL FUTURO DELLA SICUREZZA PERIMETRALE

Politec, presente sul mercato della sicurezza da oltre trent’anni con continue innovazioni, sta ulteriormente evolvendo. Quale il messaggio al mercato?
Il messaggio per il mercato professionale è molto semplice: Politec non è solo una delle poche aziende che produce protezioni perimetrali e all’interno della quale la filiera è totalmente Made in Italy, ma è un’azienda che vanta innovazione.

La forza di un’impresa nel nostro settore non dipende solo dall’essere un player che da trent’anni è presente in questo mercato a livello di produzione, ma sta soprattutto nella continua Ricerca & Sviluppo.
Negli anni Politec ha sviluppato un notevole know-how in ambito R&D, cogliendo le sfide più attuali del mercato, adattandosi ed anche sapendo anticipare le esigenze dei clienti sempre più sensibili ai temi della sicurezza.
Politec è in grado di offrire prodotti in continua evoluzione tecnologica, con alti standards qualitativi e tecnologici, mantenendo facilità di utilizzo e di installazione.

A testimoniarlo: WS SMA, HIBRID SMA, SOLAR SMA, le tecnologie da noi sviluppate non solo per offrire al mercato prodotti e soluzioni tecnologicamente avanzati, ma anche per facilitare le esigenze in termini di installazione.

Disponiamo della tecnologia e della competenza necessarie per progettare e realizzare sistemi antintrusione, offrendo soluzioni su misura per protezioni perimetrali interne ed esterne per ogni tipologia di ambiente industriale, commerciale e residenziale, nonché per infrastrutture critiche, che pervengono dal mercato italiano così come dai mercati internazionali.

È recente il vostro Progetto Politec 2.0. Perché e che cos’è?
Preferisco lasciare questo argomento al nostro Direttore Vendite Italia, Stefano Comissari, che ha impostato il nostro nuovo progetto e che, di concerto con me e con il nostro team marketing, sta sviluppando la nuova strategia commerciale.

(Stefano Comissari) Con Politec 2.0 abbiamo l’ambizione di cambiare l’approccio verso il mercato, sostenendo e rafforzando il rapporto con i nostri Distributori storici che hanno sempre creduto nell’azienda. Questo perché Politec vuole partire dal concetto che il Distributore ha e porta valore. Dal nostro punto di vista, infatti, questa fi gura non è più connotata come un mero numero ”commerciale”, bensì diventa un Partner con cui vogliamo condividere progetti, obiettivi, politiche, strategie commerciali e promozionali.

Essere partecipi e condividere la politica commerciale Politec 2.0 significa essere aggiornati, connessi, globali e veloci… ma soprattutto tutelati, in quanto la nuova riorganizzazione commerciale prevede anche una nuova impostazione in sell-out, che deve necessariamente essere rispettata e tutelata, onde evitare scorrettezze. Nell’estensione più ampia del termine, questo nuovo approccio vuol dire essere un passo avanti rispetto agli altri, e per questo motivo è avvenuta la trasformazione della rete di vendita, nella quale il Distributore è diventato Partner.

In che modo?
(Stefano Comissari) Per compiere questo, la nostra proposta si struttura e si differenzia in due aspetti principali.
Primo.
Abbiamo identificato i nostri Distributori Partners con una classificazione precisa: il Distributore Diamante, il Platino e l’Oro.
Il Diamante gestisce tutta la gamma prodotti, a differenza del Platino che ha deciso di gestire solo una parte dei prodotti che proponiamo. Entrambi sono strutturati ed organizzati, con prodotto disponibile presso i punti vendita, sempre aggiornati e in stretto contatto con il nostro ufficio tecnico.
Al Diamante viene garantita una presenza del nostro personale tecnico commerciale per eventi con gli installatori, (organizzati anche assieme ad altri produttori), per affiancare la forza vendita presso clienti e studi di progettazione, per creare iniziative di comunicazione verso il mercato e per definire promozioni, mettendo a disposizione il nostro ufficio marketing.
Il Distributore Oro non ha invece vincoli per la gestione di prodotti da proporre, così come per la gestione di materiale a magazzino in pronta consegna. Gli viene dato comunque supporto sia commerciale che tecnico, anche per eventuali iniziative nel proprio punto vendita.
Il nostro impegno principale è la tutela delle attività che vengono fatte sul territorio, proteggendo i nostri partners da sovrapposizioni, da condizioni commerciali che non rientrano nella nostra nuova indicazione di sell-out.
Secondo.
Altro aspetto fondamentale di questa nuova strategia è la Costante Formazione al personale tecnico e commerciale dei nostri Partners: un Work in Progress nell’aggiornamento tecnologico e nell’innovazione, oggigiorno conditio sine qua non, per riprendere il ragionamento sviluppato prima dal nostro Presidente Garro, legato alla costante evoluzione tecnologica e di Ricerca & Sviluppo che contraddistingue Politec da sempre, ma che, se non viene condivisa con i nostri Partners, non permette a nessuno di raggiungere gli obiettivi pianificati e di sviluppare il business dell’eccellenza.

Vi siete dati dei termini, a livello di tempo, per fare dei bilanci sul progetto e per eventuali ulteriori improvements?
(Stefano Comissari) Certo, il primo significativo appuntamento, utile per un primo bilancio ed analisi della nuova attività, sarà proprio in occasione dell’importate iniziativa programmata, per quanto concerne la comunicazione, in collaborazione con il nostro Media Partner, cioè voi di S News, durante l’esposizione fi eristica a Sicurezza 2019. Sarà un’occasione che vogliamo condividere in due momenti importanti proprio con i nostri Partners, della quale però al momento non possiamo anticipare ancora nulla.

Chiaro. E ritornando a lei, signor Garro, oltre ai Distributori Partners, quali sono altri vostri targets sia in Italia che all’estero, considerata la vostra vocazione all’export che da sempre coltivate?
L’apprezzamento per la continua ricerca ed innovazione ci viene riconosciuto, oltre che dai Distributori Partners di cui abbiamo parlato, anche da molte aziende per le quali sviluppiamo e produciamo apparecchiature OEM.

Per quanto concerne l’estero, l’esportazione è da sempre un obiettivo importante in Politec e se consideriamo nello specifico determinati mercati, la prospettiva è enorme. L’export richiede organizzazione e supporto locale, e questo non è per niente facile, ma grazie alla professionalità dei nostri stessi clienti siamo riusciti a creare una rete commerciale efficiente, dalla quale ci aspettiamo ulteriori importanti risultati. Abbiamo aperto un ufficio in Francia, aumentato i commerciali, dividendo le aree di competenza ed inserendo agenti locali per specifici mercati. Siamo inoltre presenti alle manifestazioni internazionali più importanti. Questo perché la nostra tecnologia è molto apprezzata all’estero, dove oltre ai distributori forniamo anche produzioni OEM per grossi gruppi internazionali.

Da imprenditore e da esperto del settore, quale la sua visione a breve/medio termine?
Il mercato della sicurezza è in continuo cambiamento e le aziende produttrici devono fare altrettanto.
Allinearsi e pensare al futuro: questo è importante se si vuole crescere, sviluppando nuovi mercati e puntando a nuovi traguardi.
La situazione del mercato segue la globalizzazione che oramai avviene a tutti i livelli. Di conseguenza l’offerta di prodotti e servizi è molto più estesa, il cambiamento si vive ogni giorno parlando con i propri clienti.
Cresce la necessità di prodotti sempre più facili da utilizzare, più semplici da installare e meno costosi. Contemporaneamente cresce la voglia di migliorare l’approccio verso i dispositivi, cercando quell’interazione smart, intuitiva e multifunzionale, tipica dei cellulari e dell’IoT.
Questo oggi è il nuovo approccio: facile, intuitivo, veloce, esteticamente ed emozionalmente appagante.
Molti gli obiettivi che in questi 30 anni abbiamo raggiunto. Ora vogliamo completare la nostra offerta di protezioni perimetrali a 360 gradi, progettando e sviluppando innovazioni mirate, secondo i nuovi e futuri approcci.

Da ricercatori questa sarà la nostra sfida per gli anni a venire, da produttori questo il nostro impegno, da imprenditori questa la nostra missione da portare a termine.

a cura di Monica Bertolo

08.03.2019


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Dahua Solution Day: come, dove, quando e perché?

Dahua Solution Day in meno di 4 mesi ha già realizzato 65 eventi in tutta Italia. S News...

Mirai mira ora ai dispositivi IoT aziendali. Che fare?

Mirai, la botnet che ha al suo interno moltissimi exploit, il che la rende molto pericolosa e...

IFI: Data Localization nuova frontiera del protezionismo economico

Ifi Advisory, nella persona di Lorenzo Romani, Open Source Intelligence Analyst, Unità...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.