Attualità // Scenari

Sicurezza residenziale: i sistemi d’allarme a sirena sono superati?

Condividi

Il 95% degli italiani, recentemente, ha sentito suonare almeno una sirena d’allarme esterna nel proprio quartiere, ma non l’ha presa sul serio.

D-Link ha rilevato, tramite una ricerca che ha coinvolto oltre 7200 rispondenti tra Italia, Francia, Germania, Spagna, Svezia e Regno Unito, che meno di 1 europeo  su 3 si preoccupa veramente quando sente un allarme domestico. E sono proprio gli italiani, evidenzia la ricerca, i più inclini a non prendere sul serio una sirena d’allarme esterna: quasi tutti,  recentemente, ne hanno sentita suonare almeno una nel loro quartiere (95%, il valore più alto del continente), ma oltre la metà (il 50,2%, ancora il valore più alto d’Europa) ha pensato che l’allarme fosse scattato per errore o per  malfunzionamento del sistema piuttosto che per una vera emergenza di  sicurezza.

Nonostante questo, la sicurezza domestica è la prima delle preoccupazioni degli italiani: il 40% teme che qualcuno possa entrare  in casa quando non è presente, e sempre il 40% dubita spesso di aver chiuso la porta d’ingresso. Solo 1 italiano su 5, quando è fuori casa, non è preoccupato dalla possibilità che qualcuno possa intrufolarsi nell’abitazione, approfittando della sua assenza.

La ricerca di D-Link ha rilevato che, non potendo più far affidamento sulla “vigilanza” dei vicini, il 75,7% degli intervistati sarebbe più tranquillo se potesse monitorare la propria casa da remoto tramite smartphone, ma il 60% lo farebbe a patto di non pagare un extra costo rispetto al servizio base.

Stefano Nordio, Vice Presidente di D-Link Europe, sottolinea: "La nostra ricerca dimostra che i tradizionali sistemi di sicurezza domestica non funzionano più come prima: la maggior parte delle persone non reagisce più alle sirene quando le sente, il che significa che non hanno l'effetto desiderato di allertare i vicini e far spaventare i ladri. Questo crea un vero problema di security, e dimostra che questi sistemi, da soli, non possono più assicurare una completa serenità".

"Le nuove tecnologie per la sicurezza domestica offrono servizi di live monitoring che permettono ai proprietari di casa di ricevere notifiche e agire immediatamente, riducendo anche i falsi allarmi", precisano da D-Link e concludono: "D-Link è in prima linea nello sviluppo di tecnologie per migliorare la vita quotidiana delle persone, sia a casa che in ufficio, da oltre 30 anni.

Quest'anno D-Link continuerà il suo impegno introducendo una vasta gamma di nuove soluzioni, tra cui dispositivi Wi-Fi di tutta la casa e router Wi-Fi multi-gigabit".

N.d.r. La ricerca è stata effettuata su un campione casuale di 7.282 rispondenti di età superiore ai 16 anni nel Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia e Svezia tra il 25.07.2017 e il 01.08.2017. Il sondaggio è stato condotto da Censuswide nel rispetto dei principi ESOMAR.

la Redazione

04.05.2018


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Cybercrime e pandemia: il Data Breach Investigations Report 2021

Il Data Breach Investigations Report 2021 di Verizon Business (DBIR 2021) evidenzia che, in...

Tyco Kantech EntraPass enhances intrusion support, mobile and cybersecurity

Johnson Controls presents EntraPass version 8.30, the latest version of the Tyco Kantech...

Telecamere Hikvision monitorano la convalescenza delle tartarughe marine a Lampedusa

Hikvision Italy ha aperto il nuovo decennio donando una ventina di telecamere al Centro Soccorso...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.