Attualità // Indagine

SYAC-TB, tre risposte per la sicurezza. La parola a Fabio Malagoli

Condividi

Fabio Malagoli, Managing Director SYAC-TB Techboard Security Division, fornisce oggi il suo contributo nell'ambito dell'indagine condotta da S News sulle tendenze, punti deboli e punti di forza del mercato della sicurezza in Italia nel 2014.

1. Quali, secondo lei, le tendenze tecnologiche/dei servizi che domineranno nel 2014, specialmente in riferimento al suo segmento di appartenenza?
I drivers principali del mercato della video sorveglianza sono sicuramente la transizione dall’analogico all’IP, anche se si tratta di uno spostamento molto lento e, comunque, i sistemi analogici non spariranno nell’immediato futuro; la transazione da DVR a NVR ed unità di storage esterne; la video intelligente (VCA Video Content Analysis); l’integrazione della sicurezza con altri segmenti (controllo accessi, antincendio, domotica, ecc); standard e certificazioni in particolare le normative Privacy; l’influenza delle tecnologie mobili e cloud-based ed, infine, la verticalizzazione del mercato e dei sistemi.

2. Quali i punti deboli e, quindi, quali le minacce per il comparto della sicurezza in Italia?
Le minacce sono le difficoltà di dover competere da un lato con player grossi e forti che stanno cercando di influenzare il mercato (ONFIV, ecc.) e dall’altro con nuovi competitor e prodotti provenienti dai mercati IP/IT, le tecnologie che favoriscono lo sviluppo di prodotti sostitutivi, la tendenza alla guerra dei prezzi e la “commodisation” dei sistemi, implicando margini decrescenti.

3. Quali, invece, i punti di forza e quindi le corrette risposte, le risposte vincenti che il settore e le aziende potranno o dovranno dare per imporsi sul mercato, per gestirlo in modo corretto e farlo crescere nell’interesse di tutta la filiera?
É scontata la necessità ma anche la difficoltà a seguire strategie di differenziazione e di nicchia che si caratterizzano per innovazione, flessibilità e qualità. SYAC-TB, marchio storico della videosorveglianza Made in Italy, continuerà a fare prodotti ma a vendere soluzioni “reali”, in grado di soddisfare le vere esigenze dei mercati verticali: soluzioni customizzate, integrate con sistemi e standard esistenti, compliant a normative e standard, che vanno anche oltre la sicurezza per abbracciare aree operative diverse.

a cura di Monica Bertolo

01.04.2014


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Secon 2019 and the Security World Conference

Secon 2019, Leading Asian Integrated Security Exhibition, with 500 Exhibitors from 15 Countries...

IoThings Milan 2019

IoThings Milan 2019 è l’evento internazionale di Innovability dedicato...

Elsi, Abbinante: Che cosa cerca l’installatore oggi?

Elsi con Eurotek non ha solo presentato nuovi prodotti e soluzioni a Smart Building Levante, ma,...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.