Tecnologie e Servizi // Case Study

Telecamere Hikvision monitorano la convalescenza delle tartarughe marine a Lampedusa

Condividi

Hikvision Italy ha aperto il nuovo decennio donando una ventina di telecamere al Centro Soccorso per le tartarughe marine di Lampedusa.

“La struttura – evidenziano da Hikvision Italy – riceve annualmente circa un centinaio di tartarughe marine, la maggior parte delle quali ferite dalle attività umane. Catturate accidentalmente con ami o reti, ferite dagli scafi, sottoposte ai pericoli dell’inquinamento e della plastica, arrivano nel piccolo ospedale grazie alla collaborazione dei pescatori sensibili ed al prezioso supporto delle Forze dell'Ordine (Capitaneria di Porto, Carabinieri e Guardia di Finanza)”.

LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE HIKVISION ED I BENEFICI
Le telecamere Hikvision verranno utilizzate per monitorare 24 ore su 365 giorni le pazienti in vasca: la registrazione continua permetterà di valutare gli spostamenti delle tartarughe in convalescenza, per verificarne le capacità di risposta agli stimoli (ad esempio valutandone gli spostamenti verso la luce). I filmati verranno poi analizzati in ambienti universitari specializzati, con la finalità di studiare le dinamiche di orientamento in mare di questa specie a rischio di estinzione, fondamentale equilibratrice della salute degli oceani, e di collaborare allo studio con dati originali per comprendere meglio le caratteristiche delle tartarughe e poter mettere in campo strategie mirate a ridurre i pericoli che sono costrette ad affrontare.

“Le attività umane sono fonte di estremo rischio per le tartarughe di mare”, precisa Daniela Freggi, biologa che ha allestito 20 anni fa il Centro Soccorso e Cura Tartarughe Marine, gestito dall’Associazione Caretta. “Pesca, inquinamento e traffico navale sono le minacce più comuni, per non citare l'inurbamento delle spiagge, scelte per la deposizione delle uova, che sta mettendo in ginocchio la riproduzione della specie”.

Il Centro oggi è dotato di un ambulatorio con sala operatoria, radiografia ed ecografia, terapia intensiva dove trovano sistemazione le vasche per la stabulazione delle tartarughe marine e un'area con funzione di museo nell'ambito della quale prende spazio una piccola mostra a carattere scientifico-divulgativo. Il Centro Soccorso vive grazie all'impegno di volontari che coadiuvano il personale presente nelle attività di monitoraggio, recupero, cura e marcatura delle tartarughe marine e nell'informazione e sensibilizzazione dei turisti.

“Disporre di strumenti di rilevazione scientifica – spiega Freggi – ci permetterà di portare avanti i nostri studi in maniera precisa ed accurata, con ricadute di grande rilievo per questa specie e per l'ambiente naturale. Senza contare l’incredibile potenziale di divulgazione che avranno le immagini diffuse sui social networks. Stiamo inoltre pensando di portare avanti il progetto anche nel centro di recupero provinciale per animali selvatici, così da monitorare il comportamento di riabilitazione di mammiferi e uccelli, ospiti della nostra struttura in provincia di Agrigento. I risultati dei nostri studi verranno illustrati in alcuni lavori scientifici condotti con alcuni studenti della Surrey University, che presenteremo nel 2021 alla Conferenza sulle Tartarughe Marine in Australia e alla Conferenza Mediterranea sulla biologia e Conservazione delle Tartarughe Marine che si terrà alla fine dello stesso anno in Marocco”.

“Mission di Hikvision – sottolinea Massimiliano Troilo, General Manager di Hikvision Italy – è rendere il mondo un posto più sicuro dove vivere, per tutti. Sostenere un progetto etico di livello internazionale, che a Lampedusa opera con successo sin dal 1990, è quindi particolarmente importante. Porre la nostra tecnologia al servizio della ricerca scientifica e del recupero di esemplari a rischio, collaborando al recupero di ambienti costieri utili alla nidificazione, è un importante passo verso il salvataggio di una specie in estinzione. Orgogliosi di essere parte di questa squadra”.

Non si tratta peraltro di un fatto isolato: “la tecnologia Hikvision – specificano da Vittorio Veneto – si occupa infatti da anni di protezione ambientale per tutelare specie a rischio come i panda, le tigri siberiane e le oche indiane (note per le caratteristiche barre sulla testa, da cui il nome Bar-headed Goose). In quest'ultimo caso, l'habitat naturale ad alta quota di questa particolare oca, in Cina, è oggi monitorato dalle telecamere Hikvision e i filmati sono trasmessi live in streaming ad alta definizione”.

la Redazione

Hikvision_tartaruga

12.05.2021


Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza,
iscriviti alla nostra newsletter.

\\ Articoli correlati

Cias: E-Learning estivo e la novità dei crediti DEKRA

Cias ed E-Learning: parte il webinar gratuito dedicato alla Progettazione dell'Impianto...

Retail: quali cambiamenti dopo la pandemia?

Nuove abitudini nella vita post-Covid: non solo smartworking. Anche il retail, infatti, ha...

EL.MO.: presente e futuro della sicurezza

EL.MO. rappresenta la storia e l’evoluzione della sicurezza. Per scoprire cosa ci riserva...

Seguici Su

   

Iscriviti alla newsletter di S News

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza, iscriviti alla nostra newsletter.