Home » News » Attualità

OSSIF: attacchi in banca in netta diminuzione

OSSIF: attacchi in banca in netta diminuzione

Roma. Positivi i primi dati Ossif del 2012 sulle rapine in banca: rispetto ai primi 8 mesi del 2011, i primi otto mesi dell’anno in corso presentano un considerevole calo degli attacchi a questi soggetti.
609 è il numero di rapine alle banche che si contano fino ad agosto 2012, ovvero il 20,5 in meno se messo a confronto con lo stesso periodo del 2011.

Lo scorso anno sono state registrate 3,3 rapine ogni 100 sportelli, contro le 2,7 registrate quest’anno.
Dal report di Ossif, emergono nette differenze a livello regionale.
Le percentuali di maggiore calo registrate sono nella regione Lazio (da 112 a 70 rapine), Lombardia (da 181 a 129), Puglia (da 55 a 25), Marche (da 41 a 23) e Toscana (da 68 a 45), Liguria (da 20 a 12), Campania (da 49 a 41), Emilia Romagna (da 62 a 56), Veneto (da 33 a 20) e Friuli Venezia Giulia (da 2 a 1).
In alcune regioni la percentuale di rapine è però in aumento, come si nota dai dati registrati in Abruzzo (da 22 a 23 rapine), Basilicata (da 1 a 6), Calabria (da 7 a 10), Molise (da 1 a 2), Piemonte (da 47 a 63), Sardegna (da 2 a 10), Sicilia (da 49 a 53), Trentino Alto-Adige (da 1 a 4) e Umbria (da 13 a 16).
Nello specifico, Roma è la provincia in cui si registra il maggiore calo (da 96 a 58 rapine), seguita da Milano (da 76 a 56), Brescia (da 24 a 8), Pavia (da 17 a 4) e Lecce (da 12 a 1).
A Torino, invece, i dati rivelano un aumento (da 28 a 39 rapine), così come a Cuneo (da 3 a 9) e nelle province di Bologna, Bolzano, Catanzaro, Ferrara, Mantova e Siracusa.

Nonostante la netta diminuzione del numero di attacchi in diverse province, Roma e Milano rimangono le città con il più elevato numero di rapine in banca, contando rispettivamente 58 e 56 rapine.
Seguono nella classifica della province con la percentuale più alta di rapine Torino (39), Napoli (28) e Bologna (21).

Nel confronto tra i vari dati, le province che ne sono uscite con il risk rate maggiore sono Vibo Valentia (11,8 rapine ogni 100 sportelli), Ragusa (10,1), Siracusa (8,3), Terni (7,6) e Catanzaro (7,1).
Infine, per quanto riguarda il valore del bottino delle rapine in banca, la media risulta pressoché stabile, attestandosi quest’anno a 24.000 €, rispetto ai 23.000 del 2011.


la Redazione

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.