Home » News » Attualità

Assemblea Generale Assistal: formazione e sicurezza

Assemblea Generale Assistal: formazione e sicurezza

Roma. Nella storica cornice della Sala del Tempio di Adriano a Roma, il 5 luglio scorso, si è tenuta l'Assemblea Generale Assistal. Tra i vari punti all'ordine del giorno anche l'approvazione del bilancio e la premiazione delle imprese che hanno raggiunto i 25 anni di anzianità associativa.


Quest'anno, le imprese che hanno raggiunto questo importante traguardo sono tredici: TECHNOKALOR INDUSTRIALE Srl di Bolzano, AEM GIUSEPPE RECCHIA Srl di Roma, INSE Srl di Narni Scalo, J. SCHMIDHAMMER Srl di Brunico, LINEL Srl di Bressanone, O.C.CLIM Srl di Savona, COELNA IMPIANTI Srl di Napoli, SAT Srl di Sarmeola di Rubano, PIETRO PASSALACQUA Sas di Genova, SPIC Spa di Roma, GORI NAZZA Srl di Roma, IMPIANTISTICA E.C.I. Srl di Milano e la TERMOTECNICA di DABALA' ALESSANDRO & C. Snc di Milano.


Alla parte privata dell'Assemblea, che si è tenuta in mattinata, è seguito il convegno dal titolo “Il valore della formazione per agire in sicurezza. L'impatto dei nuovi Accordi Stato-Regioni nel settore Impiantistico”, patrocinato dalla Camera di Commercio di Roma e da INAIL Direzione Regionale Lazio.


Molti i relatori che sono intervenuti nel corso del convegno: Giuseppe Gargaro, Presidente Assistal, Giancarlo Cremonesi, Presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Fantini, Dirigente del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l'Avv. Napoli, della Direzione Regionale INAIL, Raniero Regni, Ordinario Dipartimento Scienze Umane – Università Lumsa Roma ed Ezio Santini, Ordinario del Dipartimento Ingegneria Elettrica – Università La Sapienza Roma.
Il convegno è stato moderato dall'Avv. Giancarlo Ricciardi, Vicedirettore di Assistal.


Il valore della formazione fondato sulla rinnovata conoscenza del valore umano, sulla riscoperta del valore personale, del valore del dialogo, dell’importanza della coesione di un gruppo che opera per il medesimo obiettivo, è stato il tema principale degli interventi.


Tramite il riconoscimento dell’uomo, la sua educazione e la sua formazione, si basa il futuro del lavoro sicuro. La formazione può, quindi, rappresentare realmente un punto di ri-partenza delle organizzazioni, per lo sviluppo del lavoro e delle politiche del paese ed inoltre, la formazione stessa è uno dei fattori che può condurre fuori dalla crisi.


Il convegno ha voluto cogliere ed esplicitare gli aspetti del dialogo, dell’informazione e della formazione, senza nascondere le criticità, cercando invece di individuarle con onestà intellettuale.


Infine, la necessità dell'addestramento specifico oltre che del ruolo degli Organismi Paritetici Territoriali di Settore, anche alla luce dei nuovi principi recati dai recenti accordi sanciti dalla Conferenza Stato-Regioni a fine 2011, è stato un ulteriore argomento di discussione.


la Redazione

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.