Home » News » Attualità

La sfida di Kaba

La sfida di Kaba

S News incontra Luca Negrini, Amministratore Delegato di Kaba Italia.

É passato un anno dal nostro ultimo incontro, signor Negrini, ed è quindi il momento adatto per fare delle considerazioni, per analizzare quanto avvenuto, per fare il punto della situazione. Cosa evidenzierebbe guardando all’anno Kaba Italia 2013 e più in generale al 2013 Kaba International?

Considerando che Kaba chiude il bilancio a giugno di ogni anno, possiamo dire che l’anno luglio 2012-giugno 2013 ci ha visti chiudere con un + 6% sul fatturato di budget e un notevole risultato anche in EBIT, molto oltre le aspettative.
Ciò è stato possibile in particolare grazie all’implementazione della strategia di presenza sul mercato diversificata, di cui avevamo parlato nel nostro ultimo incontro, la quale si basa su una matrice che mette in relazione zone geografiche con i “mercati verticali” quali l’aeroportuale, il bancario e l’indiretto del nostro grande network di locksmith specializzati. La strategia si è dimostrata vincente anche grazie al nostro grande portafoglio di soluzioni/prodotti e al nostro approccio attento verso il cliente, che ci ha permesso, e ci permette, di adattare facilmente ma in modo attento, l’offering alle richieste dei vari mercati.
Anche il Gruppo ha sostanzialmente tenuto bene, aumentando l’EBIT e confermando il fatturato dell’anno precedente, in particolare in Europa, che resta il nostro master market.
Un altro aspetto vincente dell’anno 2012-2013 è stata la grande spinta sui servizi verso gli utenti finali, che sono stati potenziati con il continuo miglioramento della nostra piattaforma WEB.

Se invece volessimo guardare al futuro, quali le proiezioni per Kaba Italia 2014, quali gli obiettivi ed i progetti per l’anno entrante?

Al primo posto metterei il progetto pilota su un nostro grande Cliente nazionale basato sulla piattaforma NFC che già oggi conta più di 400 telefoni NFC funzionanti sul territorio e verrà sviluppato a livello nazionale tramite l’implementazione di un TSM (Trast Service Management) Kaba, che permetterà di dare circolarità ai diritti di accesso su tutti provider telefonici, in modo che un cliente possa, semplicemente attivando l’accesso sul telefono NFC del visitatore, far accedere i visitatori, o i consulenti, al proprio site aziendale senza più la necessità di un badge.
Anche le soluzioni Cloud sono nel mirino del Gruppo. In particolare per il mercato indiretto si avrà una prima uscita nel 2014 di una soluzione WEB embedded che permetterà di realizzare un controllo accessi senza più la necessità di un Server e/o di un data base.
Molta attenzione ci sarà anche per i prodotti specifici per mercati verticali, come quelli per l’aeroportuale, dove è in uscita il nuovo varco automatico per i passaggi doganali, con riconoscimento della persona attraverso gli standard biometrici aeroportuali, al fine di far consentire un transito più fluido dei passeggeri e senza l’ausilio di personale al gate d’imbarco/uscita.

Kaba vanta oltre 150 anni di storia, e lei, decisamente, molti anni di esperienza. Dal suo punto di vista, quali le tendenze del mercato, quali i bisogni del settore, quali le sfide che si presentano per il comparto e quali le frontiere competitive a breve/medio termine?

Il mercato tenderà sempre più a “dividersi” non più a piramide ma in una sorta di “doppio imbuto”, allargandosi quindi sia nella parte alta che in basso a discapito del mercato medio. In tal senso il Gruppo, oltre a potenziare le proprie soluzioni Corporate per il mercato più elevato, ad es. le soluzioni NFC, sta ampliando la base di soluzioni per terze parti, partner o VAR (Value Added Reseller), che si occuperanno sempre di più del mercato di base e di dettaglio, interessato soprattutto a soluzioni di sicurezza “easy to use”.
Ecco perché riteniamo che il Cloud sarà la sfida da vincere sul mercato indiretto (VAR) e dei piccoli medi utenti, mentre le tecnologie e l’integrazione tra sicurezza fisica/logica e safety resteranno i campi su cui le grandi corporate muoveranno i loro budget.

Il settore richiederà sempre di più servizi rispetto ai meri prodotti, i quali diventeranno, come già accaduto in passato per altri mercati, un “Item” dell’offerta di servizio.
La sfida principale sarà quindi quella di offrire al mercato il giusto mix tra soluzioni-tecnologia-servizi, stando sempre più vicino ai clienti per anticiparne le necessità con soluzioni che siano tecnologiche e facilmente fruibili.

a cura di Monica Bertolo

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.