Home » News » Attualità

Olimpiadi: problema sicurezza a Londra

Olimpiadi: problema sicurezza a Londra

Londra. A pochi giorni dall'inizio delle Olimpiadi di Londra, la sicurezza è diventata un problema per gli organizzatori dell'evento. La società G4S, che ha ottenuto la commessa da 284 milioni di sterline per garantire la sicurezza ai Giochi, ha ammesso nei giorni scorsi di non essere in grado di fornire tutte e diecimila le guardie di sicurezza necessarie per garantire gli oltre cento eventi olimpici e, di conseguenza, il Governo ha dovuto reclutare altri 3.500 soldati che faranno i controlli al posto delle guardie.


Nick Buckles, l'amministratore delegato di G4S, si è scusato ma la società ha accusato il colpo anche in borsa perdendo il 6,5%, oltre a dover sborsare una cifra dai 30 a 50 milioni di sterline per addestrare e dispiegare i 3.500 soldati aggiuntivi.


G4S è la più grande società di servizi di sicurezza, con ricavi annuali di 7.5 miliardi di sterline e il secondo datore di lavoro, dopo l'americana Wal-Mart, con 125 filiali e 657 mila impiegati nel mondo.


Si apre quindi il dibattito e la polemica nei confronti della London Organising Committee (Locog) per non aver previsto la complessità dell'operazione sicurezza. Infine, viene criticata anche la scelta di affidare la gestione della sicurezza a una società privata senza monitorare le sue effettive capacità.


Si stima che tra guardie private e soldati, i professionisti impegnati nella sicurezza delle olimpiadi saranno 17 mila, quasi il doppio dei 9.500 militari britannici in servizio attualmente in  Afghanistan.


la Redazione

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.