Home » News » Soluzioni

Videosorveglianza by Axis per il quartier generale della marina

Videosorveglianza by Axis per il quartier generale della marina

Il Parco Antenne del Comando In Capo della Squadra Navale era costituito da un sistema di videosorveglianza formato da 70 telecamere analogiche collocate lungo i 5 kilometri di perimetro. Per ammodernare il sistema di sorveglianza remota, il Quartier Generale della Marina ha deciso di aggiornare il sistema presente e di aggiungere alcune telecamere IP in posizioni strategiche.

Si è deciso di intervenire sui dispositivi già esistenti integrandoli con telecamere di rete Axis, in particolare con l’impiego del modello Speed Dome, collocato sui tralicci delle antenne con vista dell’intera area.
L’impiego della piattaforma Augensys permette di gestire nel migliore dei modi questo sistema di telecamere presenti attraverso due Workstation che lavorano entrambe come VMS e NVR su 2 monitor Full HD condivisi in “fault tolerance” fisica.

La realizzazione

Il nuovo impianto, installato da Augen Telematica, include un Rack AXIS Q7900 e 12 Video Encoder Blade AXIS Q7406 e 12, che utilizzati insieme possono supportare fino a 84 telecamere analogiche quindi sono in grado di gestire più flussi video su ciascuno dei singoli canali, il tutto garantendo la massima risoluzione per la codifica dei segnali video analogici; inoltre il sistema include alcune nuove telecamere IP tra cui la AXIS M1054, la AXIS M1011 e la AXIS Q6034-E, quest’ultima scelta perché ideale nelle installazioni all’aperto ed in sistemi di videosorveglianza complessi.

In questo modo è stato possibile reimpiegare la fibra ottica e, grazie alla presenza del video server Axis, è stato configurato un nuovo sistema in grado di supportare fino a 90 telecamere di cui al momento 73 sono attive in contemporanea e vengono impiegate alla massima risoluzione possibile.

Le working station producono un rendering dell’intera area perimetrale monitorata dalle telecamere e contemporaneamente permettono una videoregistrazione di sequenze a discrezione del Comando Militare, che possono essere conservate per un tempo massimo di 7 giorni. I motivi che hanno portato alla scelta di AXIS sono principalmente tre e riguardano l’ottima qualità video, in particolare nelle ore notturne, l’affidabilità dei prodotti e la semplicità dell’interfaccia, che avviene contemporaneamente sia in VMS sia in NVR.

La bontà della scelta effettuata è stata riscontrata facilmente già nei primi periodi di impiego del nuovo sistema: nei primi tre anni di attività infatti non sono mai stati necessari interventi di manutenzione, anche grazie alla totale immunità ai virus ed alla resilienza assoluta ai tentativi di hackeraggio. Anche la resistenza alle problematiche legate agli agenti atmosferici risulta essere elevata, dal momento che nonostante l’ambito all’interno del quale operano i video server sia fortemente soggetto a fulminazione per la numerosa presenza di antenne, al momento non si è mai verificato un guasto riconducibile a questa causa.

I benefici

La soluzione finale garantisce una videosorveglianza efficace ed affidabile, non solo per la ridondanza fisica delle Workstation attive contemporaneamente ma anche per la totale immunità ai virus e la resilienza ai tentativi di hackeraggio. Altri aspetti particolarmente apprezzati dagli operatori risultano essere la fluidità dei rendering e l’eccellente qualità delle immagini ottenute anche nelle ore notturne.

Marco Bandioli, Comandante del Quartier Generale della Marina, ha affermato:
“Il nuovo sistema di videosorveglianza soddisfa tutti i requisiti del nostro Comprensorio e garantisce un eventuale intervento in caso di intrusione. In particolare la telecamera Dome è in grado di sorvegliare sia di giorno sia di notte le zone più sensibili e inquadrare da vicino i settori di interesse.”

la Redazione
 

Condividi questo articolo su:

RIVISTA

Scarica l’ultimo numero in versione PDF.



Fiere ed eventi

S NewsLetter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità della sicurezza.

Ho letto e compreso la vostra privacy policy.